Martedì 21 Ottobre 2014 , Ore 3:42
 
 

Il Generale Agosto che fine ha fatto?

Gli allarmi della stampa su un agosto drammatico si sono rivelati un bluff. Ottima occasione per riflettere ancora una volta sull'importanza dell'asset allocation strategica

Anche se dovrei essere ormai abituato, una delle cose che riesce a stupirmi più spesso è il modo di fare informazione oggi: superficialità, poca voglia di documentarsi, la volontà di far notizia a tutti i costi, il pettegolezzo che prende il sopravvento. Questo malcostume non salva neanche la stampa specializzata del settore economico e finanziario. Reduci dall’europeo di calcio che aveva occupato le pagine dei giornali ed in attesa dell’abbuffata olimpica (panem et circenses), c’era il problema di trovare argomenti stuzzicanti; i mercati un po’ ballerini, le difficoltà dell’euro, le questioni politiche invece che spingere ad analisi serie ed approfondite hanno spinto la fantasia di giornalisti e redattori in difficoltà a riesumare un protagonista del passato: il Generale Agosto.

Il Generale Agosto è un personaggio creato dalla fervida fantasia di Bettino Craxi. Secondo il leader socialista le situazioni di crisi e di conflitto che affliggevano l’Italia del pentapartito non andavano affrontate di petto e con prontezza, ma era più saggio lasciare che durante il periodo di vacanze venissero stemperate sotto gli ombrelloni delle spiagge cotte dal sole o al fresco delle montagne. Sono passati gli anni: la Prima Repubblica è andata in esilio, la Seconda che ha frequentemente usato l’arma del rinvio sta per essere pensionata anticipatamente – caso più unico che raro nell’Italia di oggi –, ma sui giornali di luglio il Generale Agosto torna protagonista.

Questa volta però lo si chiama in causa nei panni dello speculatore, portatore ed amplificatore di sventure: vengono preconizzati disastri sui mercati finanziari, a causa delle difficoltà della moneta unica, della crisi economica e dell’opera degli sciacalli che speculano sulle nostre disgrazie. Il gioco è facile: agosto è in effetti un mese anomalo, per cui basta riportare alla memoria il disastroso agosto del 2011 per creare allarme. Poi il gioco è fatto: si susseguono avvertimenti, ricette più o meno valide, in ogni caso troppo generiche per essere davvero efficaci per tutti i lettori, si spingono i risparmiatori ancor più verso il panico.

Poi arriva agosto, tutti vanno in vacanza e quando si torna si scopre che, almeno fino ad oggi, è stato uno dei mesi più stabili e positivi degli ultimi anni: lo spread è calato, le borse sono salite, le banche hanno tirato un sospiro di sollievo. Sarà invecchiato, si sarà perso, forse è solo in ritardo, ma il Generale Agosto ad agosto non si è visto.

È vero che, come ho già detto in altre occasioni, gli aggiustamenti tattici della propria asset allocation sono una buona idea; ma la base su cui agire deve essere necessariamente quella di un’ottima asset allocation strategica: su questo punto c’è ancora molto da fare e se ne parla troppo poco. Per intenderci, ricordando che Winston Churchill degli italiani diceva che “perdono le guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre” e visto che siamo nell’imminenza della ripresa del campionato di calcio: se ho costruito una buona squadra, gli accorgimenti tattici possono permettermi di volta in volta di ottenere i migliori risultati; ma se ho una squadra costruita senza logica, nessuna tattica riuscirà a sopperire a quelle mancanze.

 
il contenuto di questo blog esprime l’opinione personale dell’autore, non costituisce un servizio di consulenza, non intende in alcun modo indirizzare le scelte d’investimento dei lettori, non costituisce e non intende costituire attività di sollecitazione del pubblico risparmio
 
Leggi altre news su :
 
Autore: Stefano Lovato Chi é:

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
Su Social IO
Condividi l'articolo
Articoli Correlati
 

Lascia un tuo commento +

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad:

  • Il Globalista è il blog di
    Stefano Lovato
    In questo blog vengono trattati argomenti relativi all'economia e al mondo del risparmio. Informazioni, spunti di riflessione e di confronto su argomenti importanti, a maggior ragione in un momento in cui la gestione degli investimenti è particolarmente difficoltosa a causa della diminuita propensione al risparmio e dei cambiamenti che caratterizzano il mondo economico e finanziario mondiale. Sono un private banker e ho deciso di pubblicare questo blog, che esprime il mio punto di vista su quello che accade, per dare un contributo a tutti coloro che vorranno seguirmi. L'obiettivo è quello di contribuire a rendere i risparmiatori italiani più consapevoli di ciò che fanno, di ciò che possono fare e di ciò che dovrebbero fare o evitare. Buona Navigazione del Blog - Stefano Lovato
  • COMMENTI & COMMENTATORI

    film de sexe en hd de cette polissonne dans son uniforme triquant Superbe article, comme d'hab
    Fabrizio Monge Buongiorno Stefano! Complimenti per l'articolo e per le risposte nel blog. Innanzitutto premetto che sono un " collega " quindi il mio punto di vista è tacciabile di partigianeria. posso testimoniare che in tutta la mia vita professionale ho adottato varie tecniche di investimento e utilizzato strumenti di varie società di gestione. Tuttavia il sistema del dollar cost average è l'unica che non mi ha mai deluso, sia come investitore sia come professionista. Concordo che chiamare un clinete in un momento di mercato difficile per convincerlo a fare aggiuntivi è impresa titanica anzi, io lo faccio ormai sapendo che spesso l'unico risultato ottenibile è di tranquillizzare il cliente, che non aggiungerà nulla ma almeno non venderà in un momento sfavorevole. Con il Pac invece l'acquisto nei momenti critici funziona bene, il cliente è rilassato, io sono rilassato e si lavora con fiducia reciproca. Aggiungo che la prassi di citare esempi di mercato in cui il sistema non avrebbe dato risultati è inutile, spesso bastava aspettare un anno in più oppure consolidare pediodicamente per avere un utile consistente. come tutti gli strumenti bisogna saperlo usare ed avere un bravo - Consulente, Promotore, Bancario etc ... la sostanza è la stessa - che mi segua nel percorso. ciao a presto!
    giuseppe avevo completato un pac la banca in seguito mi cambia il pac in un fondo con una minusvalenza all'atto del cambio di circa 3000 euro al momento del disinvestimento la banca non tiene conto della minusvalenza e mi fa pagare la plusvale maturata dopo il cambio
    Alessandro Bidini A me, in sede di dichiarazione dei redditi (Unico 2013) è accaduta una cosa un pò diversa. Nel quadro RT, Sezione IIB, è data la possibilità di portare in diminuzione le minusvalenze del quadriennio antecedente (rideterminate nella misura del 62,50%) MA SOLO A CONCORRENZA DELLA EVENTUALE PLUSVALENZA REALIZZATA NEL 2012. In pratica se avevo una minusvalenza pregressa rideterminata di 10.000 euro e nel 2012 ho una plusvalenza di 5000 euro posso utilizzare solo 5000 euro per compensare la plusvalenza del 2012 ma perdo gli altri 5000 euro che non potrò utilizzare per gli anni successivi. E' così? Il programma dell'Agenzia delle Entrate non accettava in nessun campo l'immissione della minusvalenza residua, nemmeno al rigo RT30. Grazie per la risposta.
    Guido Chi ha fatto l'affrancamento delle azioni nel 2012 deve compilare l'unico 2013?
  • In questo vengono trattati argomenti relativi all'economia e al mondo del risparmio. Informazioni, spunti di riflessione e di confronto su argomenti importanti, a maggior ragione in un momento in cui la gestione degli investimenti è particolarmente difficoltosa a causa della diminuita propensione al risparmio e dei cambiamenti che caratterizzano il mondo economico e finanziario mondiale. Sono un private banker e ho deciso di pubblicare questo blog, che esprime il mio punto di vista su quello che accade, per dare un contributo a tutti coloro che vorranno seguirmi. L'obiettivo è quello di contribuire a rendere i risparmiatori italiani più consapevoli di ciò che fanno, di ciò che possono fare e di ciò che dovrebbero fare o evitare.
    Buona Navigazione del Blog - Stefano Lovato
     
     
  • Commenti recenti
    • Finanza, economia e politica
    • Futuro e tecnologia
    • News Economia e Finanza
      Manifestazione Cgil 25 ottobre:

      Manifestazione Cgil 25 ottobre: in piazza attese 1 milione di persone

      Ieri 17:23Alla manifestazione a San Giovanni del 25 ottobre sono previste, da una proiezione di Tecnè, un milione di persone con

      Yoox: Equita abbassa il Target Price, rating inalterato

      Ieri 16:12Equita sul titolo Yoox abbassa il Target Price a 17.50, con rating Hold

      Generali: Banca Akros avvia nuova copertura

      Ieri 16:12Banca Akros al titolo Generali ha assegnato rating accumulate
      Sciopero generale trasporti 24

      Sciopero generale trasporti 24 ottobre Roma: modalità e info

      Ieri 14:45Lo sciopero del 24 ottobre coinvolgerà per l'intera giornata tutti i mezzi di trasporto mettendo in difficoltà i pendolari e

      Legge di stabilità 2015: una partita di giro

      Ieri 14:04Legge di STabilità: ricadute negative fino a 606 euro sulle famigli
      Spread a 170 bp

      Spread a 170 bp e divario invariato con la Spagna. Ecco perché la crisi non è rientrata

      Ieri 13:22Lo spread BTp-Bund si attesta a livelli più bassi dai picchi registrati la scorsa settimana, ma la crisi non è
      Francia, Aubry sfida Hollande

      Francia, Aubry sfida Hollande e Valls: serve una nuova politica economica

      Ieri 13:19L'ex ministro del Lavoro francese, Martine Aubry, starebbe prendendo le redini dell'opposizione interna al Partito socialista e ha attaccato duramente
      Renzi e lo ius

      Renzi e lo ius soli temperato: italiani si diventa dopo un ciclo di studi

      Ieri 12:33Diritti civili: con lo ius soli temperato cittdini italiani dopo aver concluso un ciclo di studi.
      Matera capitale della cultura:

      Matera capitale della cultura: il Salento si consola con il sole

      Ieri 11:54Matera è stata votata capitale della cultura per il 2019. Intanto il Salento viene indicato a livello internazionale come l'area

      Mediaset: Bernstein conferma Rating e Target

      Ieri 11:36Bernstein sul titolo Mediaset conferma rating Underperform e target 1.650000
    • Ti invito a registrarti per far parte della community del Globalista e per commentare gli articoli .
      La registrazione è gratuita.
    • Topic
    • Archivio per mese
    •